• Il carbonio di tipo gassoso

    Il carbonio di tipo gassoso viene rilasciato e riassorbito in modo ciclico dai mari, dalle terre emerse (suolo, rocce etc.) e dalla vegetazione.
  • Quali sono i progetti di Legambiente per lo sviluppo sostenibile?

    Legambiente è un'organizzazione non governativa italiana che si impegna nella tutela dell'ambiente e nella promozione dello sviluppo sostenibile.
  • Inquinamento atmosferico , siccità e carestie

    Uno dei fattori di rischio maggiormente temuti, e ad oggi molto invasivo, è l'inquinamento atmosferico che fa più vittime di altre cause e concause, soprattutto nelle persone residenti in grandi città.
  • Che cos'è l'allevamento?

    L'allevamento è fondamentalmente un "attività di custodia" dei capi bestiame che permette un corretto sviluppo degli animali allevati e la loro riproduzione.
  • Agenti ambientali ad effetto deterministico

    Gli agenti ambientali che possono causare un effetto deterministico sono caratterizzati dall'esistenza di una soglia minima, al di sotto della quale, i danni possono non verificarsi e da una soglia oltre la quale il danno può portare ad un peggioramento.

Piani dei governi ritenuti insufficienti dall'Onu

Clima: L'Onu boccia i piani dei governi sul contrasto ai cambiamenti climatici.

Aumento temperature sopra i 3 gradi, Italia a rischio siccità

Conseguenze - Clima: L'Onu boccia i piani dei governi sul contrasto ai cambiamenti climatici Foto by Hypotenuse
Categoria: Conseguenze | Martedi 4 Aprile 2023 - 10:54:41

Il clima è uno dei principali temi affrontati dalle Nazioni Unite (ONU) e dai governi di tutto il mondo. L'ONU ha istituito la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) nel 1992, che ha lo scopo di stabilire una cooperazione internazionale efficace per affrontare i cambiamenti climatici.

Clima, Onu e Piani dei governi


L'UNFCCC ha portato all'accordo di Parigi del 2015, in cui 195 paesi si sono impegnati a limitare l'aumento della temperatura media globale a meno di 2°C rispetto ai livelli preindustriali, e possibilmente a 1,5°C, attraverso la riduzione delle emissioni di gas serra.

I governi di tutto il mondo hanno elaborato piani d'azione nazionali per affrontare i cambiamenti climatici, noti come Contributi determinati a livello nazionale (NDCs), che indicano gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra e le azioni previste per raggiungerli. Questi piani sono stati presentati all'UNFCCC e periodicamente aggiornati.

Alcuni governi hanno anche adottato politiche e strategie specifiche per promuovere l'energia rinnovabile, l'efficienza energetica, la mobilità sostenibile e la gestione sostenibile delle risorse naturali, al fine di ridurre le emissioni di gas serra e di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.

Tuttavia, molti esperti sostengono che i piani dei governi non siano ancora sufficienti per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi e limitare i danni dei cambiamenti climatici. Ciò richiede un impegno ancora maggiore da parte dei governi e degli individui per adottare pratiche sostenibili e ridurre le emissioni di gas serra.

Come affrontare i cambiamenti climatici


Per affrontare i cambiamenti climatici, è necessario un impegno congiunto da parte di tutti i settori della società, inclusi governi, imprese, organizzazioni della società civile e cittadini. Ci sono diverse azioni che possono essere intraprese per ridurre le emissioni di gas serra e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.

Tra le azioni a livello governativo, vi sono politiche e strategie per promuovere l'energia rinnovabile, l'efficienza energetica, la mobilità sostenibile e la gestione sostenibile delle risorse naturali. Ad esempio, gli incentivi fiscali per le tecnologie sostenibili possono aiutare a ridurre il costo dell'energia rinnovabile e incoraggiare il loro utilizzo, mentre le politiche per la gestione sostenibile delle foreste possono contribuire a ridurre le emissioni di gas serra e preservare la biodiversità.

Pratiche sostenibili adottabili dalle imprese


Le imprese possono adottare pratiche sostenibili, come la riduzione del consumo di energia e la promozione di prodotti e servizi a basso impatto ambientale. Inoltre, le organizzazioni della società civile possono sensibilizzare l'opinione pubblica sui cambiamenti climatici e promuovere l'adozione di pratiche sostenibili.

A livello individuale, tutti possiamo contribuire alla riduzione delle emissioni di gas serra adottando pratiche sostenibili nella vita quotidiana, come l'utilizzo del trasporto pubblico, l'acquisto di prodotti locali e a basso impatto ambientale, la riduzione del consumo di energia e l'adozione di pratiche di riciclaggio e di riduzione dei rifiuti.

L'affrontare i cambiamenti climatici richiede un impegno costante e coordinato da parte di tutti i settori della società, ma le azioni che possiamo intraprendere possono fare la differenza per proteggere il nostro pianeta e garantire un futuro sostenibile per le generazioni future.

Aumento temperatura in Italia e rischio siccità


L'aumento della temperatura in Italia può portare ad un aumento del rischio di siccità. Ciò è dovuto al fatto che le temperature più elevate possono aumentare l'evaporazione dell'acqua dal suolo, dalle piante e dalle acque superficiali, riducendo quindi la quantità di acqua disponibile per l'agricoltura e l'uso domestico.

Inoltre, l'aumento della temperatura può anche aumentare la frequenza e l'intensità delle ondate di calore, che possono esacerbare la siccità e aumentare il rischio di incendi boschivi.

Per mitigare i rischi associati alla siccità, è importante adottare pratiche di gestione sostenibile dell'acqua, come la riduzione degli sprechi, la conservazione dell'acqua piovana e l'uso di tecniche agricole che richiedono meno acqua. Inoltre, è importante investire in tecnologie e infrastrutture per la gestione delle acque sotterranee e delle acque di superficie, nonché per la riduzione dell'impatto delle ondate di calore e degli incendi boschivi.

Tecnologie e infrastrutture da utilizzate per gestire le risorse idriche


Esistono molte tecnologie e infrastrutture che possono essere utilizzate per gestire al meglio le risorse idriche, tra cui:
  • Sistemi di irrigazione a goccia: questi sistemi consentono di fornire l'acqua alle piante direttamente alle radici, riducendo gli sprechi.

  • Serbatoi di raccolta dell'acqua piovana: questi serbatoi possono essere utilizzati per raccogliere l'acqua piovana e utilizzarla per l'irrigazione e l'uso domestico.

  • Sistemi di recupero dell'acqua: questi sistemi consentono di recuperare l'acqua utilizzata in casa, come quella proveniente dal lavandino o dalla doccia, per riutilizzarla per l'irrigazione e l'uso domestico.

  • Sistemi di monitoraggio dell'acqua: questi sistemi consentono di monitorare la quantità e la qualità dell'acqua in tempo reale, consentendo una gestione più efficiente e una migliore pianificazione delle risorse.

  • Tecnologie di desalinizzazione: queste tecnologie consentono di convertire l'acqua salata in acqua dolce utilizzabile per l'irrigazione e l'uso domestico.

  • Sistemi di gestione delle acque sotterranee: questi sistemi consentono di gestire le acque sotterranee in modo sostenibile, prevenendo la sovrasfruttamento e la salinizzazione.

  • Sistemi di gestione delle acque di superficie: questi sistemi consentono di gestire le acque di superficie, come fiumi e laghi, in modo sostenibile, prevenendo la contaminazione e la sovrasfruttamento.


Tecnologie di efficienza idrica: queste tecnologie consentono di ridurre i consumi di acqua, ad esempio attraverso l'uso di rubinetti e docce a basso consumo idrico.

Queste tecnologie e infrastrutture possono essere utilizzate in modo complementare per gestire in modo sostenibile le risorse idriche e mitigare il rischio di siccità.

Domande & Risposte sul cambiamento climatico
Torna su