Definizione di un ecosistema dei suoi habitat e delle nicchie ecologiche

Ecosistemi: habitat e nicchie ecologiche

Permette la sopravvivenza degli organismi viventi nel loro habitat, con il clima e l'ambiente che li circonda.

L'ecosistema - Un sistema complesso che comprende l'insieme di esseri viventi e i componenti non viventi di un ecosistema Foto di John Cahil Rom da Pexels

Si definisce ecosistema la costituzione di una o più comunità di organismi viventi (biotici) con l'insieme di componenti non viventi di un ecosistema (abiotici). L'interazione che avviene tra questi esseri viventi e l'ambiente che li circonda costituisce l'ecosistema nel quale la vita nasce e si sviluppa.

Come funziona un ecosistema

La biocenesi (o componente biotica) rappresenta fondamentalmente l'unità ecologica dell'ecosistema. L'insieme di organismi viventi (anche diversi tra loro) che vivono in un determinato luogo e condividono le stesse risorse ambientali.

L'ecosfera funge da contenitore di più ecosistemi, che interagendo fra di loro, sviluppano relazioni biologiche che permettono lo scambio reciproco di risorse ed energie.
Questo processo si auto regolamenta e si evolve automaticamente, consentendo la creazione di gerarchie, nelle quali ogni elemento biologico e/o essere vivente dipende l'uno dall'altro come catena alimentare.

Tipologie di ecosistemi

Nell'ecosfera coesistono più ecosistemi, di diverse tipologie, ognuno fatto su misura per gli habitat che lo rappresentano.
Esistono due grandi tipologie di ecosistema:

    Ecosistema naturale

    Esistono vari tipi sul nostro pianeta di ecosistemi naturali, chiamati così perchè si sono creati grazie ad un equilibrio ecologico e senza l'intervento umano:

    1. Ecosistemi Terrestri
      • Ecosistema Mediterraneo
      • Ecosistema Desertico/Semi desertico
      • Ecosistema della Tundra
      • Ecosistema della Savana
      • Ecosistema della Prateria
      • Ecosistema Boschivo
      • Ecosistema Forestale
        • Temperato
        • Tropicale
        • Boreale
    2. Ecosistemi Acquatici
      • Marino
      • Oceanico
      • Costiero
      • Acqua dolce
        • Fiumi
        • Laghi
        • Stagni
    Ecosistema artificiale

    Sono caratterizzati da creazioni volute dall'uomo e per questo sono stati adattati all'ambiente circostante, permettendo agli esseri umani di viverci in simbiosi, migliorando le proprie condizioni di vita:

    1. Ecosistemi Urbani
      • Storia e Cultura
      • Geologia e Topologia
      • Clima e Ambiente
      • Salute e Alimentazione
      • Rapporti
    2. Ecosistemi Industriali
      • Sviluppo Energetico
      • Materie Prime
      • Servizi
      • Industria dei materiali
      • Sfruttamento risorse ambientali
      • Trasporto
      • Illuminazione artificiale
    3. Ecosistemi Agricoli (Agroecosistema)
      • Conservazione del suolo (attraverso i vegetali coltivati)
      • Controllo anti-parassitario (tramite relazioni trofiche)
      • Fertilità del suolo (mantenimento antropico dei nutrienti)
      • Regolazione e purificazione dell'acqua
      • Regolazione atmosferica (percentuale componenti chimici e biologici)
      • Biodiversità genetica (mantenimento artificiale)
    4. Ecosistemi Rurali

Gli habitat e il clima presenti in un ecosistema

Un ecosistema può essere composto da uno o più habitat, questi ultimi sono dei luoghi nei quali vivono specie viventi che si sono ambientate nel tempo, trovando un equilibrio naturale e biologicamente adatto alle loro esigenze.
Possiamo quindi affermare che un habitat rapresenta un sottoinsieme di un ecosistema.

L'habitat (che nella lingua latina significa essenzialmente "egli abita") è, fondamentalmente, un luogo naturale dove le caratteristiche fisiche e quelle ambientali riescono a garantire, ad una o più specie viventi, di vivere e svilupparsi.

La riproduzione delle specie in un habitat, con un certo clima, dimostra la reale compatibilità ambientale e il fatto che la qualità della vita può essere garantita e continuativa. La qualità della vita può però venire meno o migliorare in funzione di fattori esterni all'habitat, come l'intrusione antropica (invasione, colonizzazione umana), la destabilizzazione del clima causata dai cambiamenti climatici o la modifica dei parametri demografici nel tempo.

Le nicchie ecologiche che nascono negli habitat e il clima di un determinato ecosistema

Con il termine "nicchia ecologica" si intende il ruolo di una specie vivente all'interno dell'ecosistema stesso. Nella nicchia ecologica troviamo gli esemplari di esseri viventi, o organismi, che svolgono la loro funzione ecologica all'interno dell'habitat.

Anche la nicchia ecologica, come avviene per l'habitat con l'ecosistema, è nel suo contesto, un sottoinsieme dell'habitat. In una nicchia ecologica le varie specie viventi si nutrono, si riproducono ed interagiscono tra loro, mantenendo un equilibrio biologico che favorisce entrambe le specie.

I fattori che influenzano un ecosistema

I fattori che influenzano un ecosistema possono essere molteplici. Le caratteristiche fisiche, biologiche e chimiche di un ecosistema possono variare più o meno velocemente nel tempo e più o meno intensamente a seconda delle cause interne o esterne che possono manifestarsi.

I fattori ecoligici, che possono influenzare un ecosistema, sono distinguibili in fattori abiotici e fattori biotici.

  • Fattori Abiotici
    • Sono tutti quegli elementi fisici e chimici "inanimati" presenti sul nostro pianeta Terra.
      1. Nella categoria degli "elementi fisici" troviamo tutti quei fenomeni e forze della natura come la temperatura, l'umidità, la pressione nell'aria e la gravità terrestre, il vento e la luce solare.
        La forza/intensità di tutte questi fenomeni naturali, influisce sull'ecosistema, rendendolo totalmente dipendente da quest'ultime.
      2. Nella categoria degli "elementi chimici" invece, troviamo gli elementi chimici presenti nell'aria (come l'ossigeno, l'anidrite carbonica, l'azoto, il potassio) e nell'acqua (acidità, grado di salinità, temperatura e altri fattori chimici essenziali).
  • Fattori Biotici
    • Sono quei fattori determinati dalle stesse specie viventi che occupano, nella loro nicchia ecologica, gli habitat sviluppatisi all'interno di un ecosistema.
      E' quindi la loro stessa esistenza e la loro stessa vita a determinare cambiamenti, evoluzioni e stravolgimenti nella chimica biologica e nell'equilibrio ecologico dell'ambiente stesso.
      L'intero ciclo vitale (approvigionamento alimentare, riproduzione fra specie simili o diverse, nutrizione, migrazioni etc.) riesce ad apportare profondi cambiamenti, in concerto con i fattori abiotici
      .

Possiamo quindi dedurre che, mentre i fattori abiotici vanno a modificare quelli biotici, gli stessi sono influenzabili dagli ultimi, andando così a formare una stretta relazione e una reazione a catena.

Tra gli innumerevoli esempi, nel poter dimostrare tali relazioni, possiamo ricordare quello che più ci riguarda da vicino e cioè la sempre più forte e invadente azione antropica.
L'industrializzazione ha portato negli anni all'aumento delle concentrazioni di CO2 nell'aria, aumentando le temperature e cambiando il PH dei mari.

Questo notevole impatto sugli elementi abiotici ha contribuito fortemente all'accellerazione dei cambiamenti climatici, con conseguente desertificazione di interi paesaggi e quindi una notevole diminuzione della produzione di ossigeno da parte delle piante.

Una forte attenuazione dello strato di ozono con aumento di penetrazione dei raggi UV, l'alterazione delle correnti oceaniche che hanno modificato completamente gli habitat marini.